VIDEOQUEENBORGARO

Vai ai contenuti

Menu principale:

FEBBRAIO

CATALOGO > 2011
" onclick="return x5engine.imShowBox.Show({ startIndex: 0, media:[{type: 'iframe', url: '', width: 640, height: 360, text: 'Genere: <br />Thriller<br />Regia: <br />Oliver Stone<br />Cast: <br />Michael Douglas, Shia LaBeouf, Josh Brolin, Susan Sarando'}]}, 0, this);" onmouseover="x5engine.imTip.Show(this, {text: 'Michael Douglas, come tutti sanno, riprenderà il suo ruolo da Oscar di Gordon Gekko. Questa volta, però, sono passati 21 anni e il Signor Avidità ha appena finito di pagare il suo conto con la giustizia. Si ritrova ai margini della comunità finanziaria, e inizia a intuire che qualcosa sta per accadere. Quando avverte la comunità che "la fine è vicina", nessuno lo vuole ascoltare. Gordon è anche ossessionato dall\'idea di volersi riconciliare con sua figlia (il cui ruolo non è stato ancora assegnato ad alcuna attrice). A questo punto entra in scena Shia LaBeouf ("ormai ufficialmente co-protagonista"), un giovane trader di Wall Street che sta per sposare la figlia di Gekko. Shia vuole diventare un campione a Wall Street, ma il suo mentore si suicida inaspettatamente, e Shia pensa che sia colpa di un manager senza scrupoli di un hedge fund internazionale. Shia cercherà vendetta su questo "villain", e Gekko lo aiuterà dopo un vero e proprio patto Faustiano con il ragazzo. Da questo punto in poi, è "antagonismo" su ogni fronte. La storia è ambientata tra il giugno 2008 e il collasso finanziario: il motivo è l\'idea di trovare una prospettiva, così come accadeva con l\'insider trading nel primo film<br />', width: 180});">
 
" onclick="return x5engine.imShowBox.Show({ startIndex: 0, media:[{type: 'code', content: '<script type="text/javascript">var flashvars = {cWidth: "640", cHeight: "360", fileName: "", guiColor: "0xCCCCCC", showControls: "true", autoHideControls: "true", autoplay: "true", fullScreen: "true", cpindex: "219787"}; var params = {quality: "high", bgcolor: "#ffffff", play: "true", loop: "true", wmode: "transparent", scale: "noscale", menu: "true", devicefont: "false", salign: "lt", allowscriptaccess: "sameDomain", allowFullScreen: "true"}; var attributes = {id: "imSBmediaVideo", name: "imSBmediaVideo", align: "middle"}; swfobject.embedSWF("res/imVideo.swf", "imSBmedia", "640", "360", "10.0.0", "res/expressInstall.swf", flashvars, params, attributes);</script>', width: 640, height: 360, text: 'n film di Franc Reyes. Con John Leguizamo, Florencia Lozano, Diane Venora, Wanda De Jesus, Harvey Keitel. continua» Titolo originale The Ministers. Poliziesco, durata 90 min. - USA 2009.'}]}, 0, this);" onmouseover="x5engine.imTip.Show(this, {text: 'Celeste, un’agente del distretto di polizia di New York, desidera vendicare la morte del padre, il bravo e stimato poliziotto, Alberto Santana, assassinato per strada da due sconosciuti tredici anni prima. Seguendo una pista suggerita dall’unica prova lasciata sul luogo del delitto, un misterioso volume di scritti religiosi, le indagini condurranno Celeste sulle tracce dei Ministri, si direbbero adepti di una setta religiosa, che nel frattempo sono tornati a colpire. <br />Hanno infatti appena giustiziato due losche figure appena uscite dal carcere dopo aver scontato una condanna per frode edilizia. Parallelamente avvengono altri omicidi che confondono le acque, anche se ben presto si scoprirà che hanno una matrice differente. Affiancata da Bruno, un navigato poliziotto che aveva già lavorato insieme al padre della ragazza, Celeste arriva molto vicino alla verità.<br />Terzo lungometraggio scritto e diretto da Franc.Reyers, The Ministers – Giustizia privata è un poliziesco che riesce a tratteggiare con una certa consapevolezza le psicologie dei suoi protagonisti. I flashback consentono poco alla volta di mettere insieme pezzi della vicenda, di tornare indietro nel vissuto dei singoli personaggi, di carpirne i segreti e il dolore che li angoscia e devasta. In un ribaltamento dei ruoli, in cui la vittima è a sua volta carnefice, il film pone l’accento sul lato umano della figura del poliziotto, sulla sua fragilità e debolezza. <br />Bravo Harvey Keithel, memore del suo personaggio nel Cattivo tenente di Abel Ferrara, certamente meno riprovevole, ma pur sempre tormentato e irrequieto.', width: 180});">
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu